Navigatori satellitari GPS per bici con funzioni extra, dal cardiofrequenzimetro al contatore di pedalate

Non solo chi va in macchina, ma anche chi si muove su due ruote necessita di un navigatore satellitare Gps prestazionale e al tempo stesso facile da usare. Ai ciclisti, in particolare, si consiglia di dotarsi di un dispositivo di semplice utilizzo che non presenti particolari funzioni ma sia pratico e con un display possibilmente ampio, che si rivelerà utilissimo mentre si pedala dando una semplice sbirciata al monitor senza doversi fermare. Per chi usa il navigatore satellitare per bici è importante poter attingere alle informazioni volute solo con un rapido colpo d’occhio senza sospendere la pedalata, per questo è consigliabile uno strumento particolarmente agile e reattivo in grado di mettere a fuoco tutte le info che servono al ciclista possibilmente con un’ottima visualizzazione data dalla grandezza dello schermo.

Esistono sul mercato specifici navigatori nati proprio per chi va in bici, con opzioni di cardiofrequenzimetri e altre funzioni extra come il conteggio delle pedalate o la possibilità di impostare particolari cicli di allenamento, ma queste funzioni servono solo se non si hanno strumenti specifici che di solito il ciclista già possiede e monta sul manubrio. Quindi, attenzione a non buttare soldi acquistando doppioni inutili. A riguardo, un fattore da considerare è la spesa da affrontare. In questo caso, bisogna fare attenzione a individuare il prodotto giusto, come dicevamo, perché non tutti i ciclisti scelgono i medesimi percorsi. C’è chi va su pista e chi su sentieri sterrati di montagna.

Al variare delle funzioni varia anche il prezzo. Bisogna, infatti, considerare che non sempre si pedala su strade asfaltate, ma chi pratica mountain bike è solito deviare su tracciati bianchi e mulattiere sterrate dove le vibrazioni sono all’ordine del giorno e vengono puntualmente avvertite dallo strumento, ma bisogna anche considerare le cadute più frequenti per un mountain biker che dovrebbe orientare il ciclista a munirsi di un navigatore più solido in grado di resistere agli urti o, in alternativa, di uno strumento più economico qualora nella caduta dovesse rompersi. Anche le funzioni mutano a seconda dell’attività svolta, in base alla tipologia dei percorsi memorizzabili più o meno complessi e sconosciuti. Per trovare i migliori navigatori satellitari potete fare un salto, virtuale s’intende, sul portale dedicato www.navigatoremigliore.it.