Una panoramica dello scaldabagno


Una delle cose più belle nel corso degli inverni a cui siamo abituati è trovare la nostra cara e belle e amata acqua calda: per averla, sempre più persone usano lo scaldabagno. Ma che cosa è questo prodotto così noto e popolare e mai uscito della moda e dal mercato? Andiamo a studiare qualcosa al riguardo.

Per altre informazioni più dettagliate consigliamo di cliccare su questo link

Gli scaldacqua sono sistemi di riscaldamento che utilizzano una pompa di circolazione per spostare l’acqua calda dallo scaldacqua in un luogo diverso. Esistono due tipi di base di scaldacqua: a spostamento positivo e a spostamento negativo. Gli scaldacqua a spostamento positivo possono essere utilizzati in qualsiasi casa, mentre gli scaldacqua a spostamento negativo sono più efficienti nelle case in cui l’acqua calda non è a temperatura costante. Gli scaldacqua a spostamento positivo funzionano costringendo l’acqua a spostarsi dalla sua fonte originaria a una temperatura più alta di quella che l’acqua effettivamente riscalda.

Uno scaldabagno è costituito da un serbatoio, uno scambiatore di calore e un circuito di controllo. Il serbatoio contiene l’acqua riscaldata, che può variare da un gallone a un litro. Lo scambiatore di calore è il luogo in cui l’acqua viene cambiata da una forma di energia (di solito elettricità) ad un’altra, come il propano o il gas naturale. Il circuito di controllo permette allo scaldabagno di avviarsi e spegnersi, in base alla temperatura dell’acqua di origine. Per ottenere questo, regola la quantità di calore perso attraverso il serbatoio dello scaldabagno.

La maggior parte degli scaldabagni domestici sono dotati di un termostato che indica al motore quando accendere il riscaldatore. Questo di solito viene fatto utilizzando un segnale elettronico che dice al motore a quale temperatura l’acqua dovrebbe essere a che temperatura l’acqua in modo che possa riscaldare i galloni d’acqua in modo sicuro. Ci sono altri modi il riscaldatore può essere acceso e spento, come premere manualmente un pulsante, ma questi non sono davvero pratici per l’uso quotidiano, in quanto sarebbe difficile trovare un vicino di casa per farvi prendere una tazza di caffè al mattino se non si dispone di un termostato che potrebbe essere lasciato “spento”. Per molte persone, tuttavia, è più facile premere un pulsante per accendere e spegnere il riscaldatore. Se si utilizza il riscaldatore dell’acqua per un lungo periodo di tempo, potrebbe essere necessario cambiare il termostato per regolare la temperatura dell’acqua, quindi sarà necessario acquistare un termostato che è abbastanza resistente per sopportare l’uso continuo per diversi anni.